40 anni fa la tragedia del piccolo Alfredino Rampi
10/06/2021

Cronaca

40 anni fa la tragedia del piccolo Alfredino Rampi


Era il 10 giugno 1981 quando il papà del piccolo Alfredo Rampi, di 6 anni, allertava la polizia perché il bambino non era rientrato a casa dopo una passeggiata.

Alfredino era caduto in un pozzo artesiano a Vermicino, vicino Roma.

In tutti i modi si cercò di tirarlo fuori, perfino provando a scavare un tunnel parallelo a quello del pozzo. Ma purtroppo, probabilmente a causa delle vibrazioni del terreno, il piccolo era precipitato giù a circa 60 metri di profondità.

A calarsi nel pozzo provò anche il volontario Angelo Licheri, di 36 anni allora, che grazie al suo fisico minuto si pensava potesse raggiungere il piccolo Alfredino e portarlo su con un'imbracatura. Ma fu l’ennesimo tentativo fallito.

Tutto il Paese seguì con trepidazione la vicenda di Alfredino, in una diretta Rai che durò circa 18 ore, fino all’annuncio della morte del piccolo.

Dopo la morte del figlio, Franca Rampi, chiese all’allora presidente della Repubblica, Sandro Pertini, di istituire una struttura nazionale che si occupasse di protezione civile.

E’ da quella tragedia, infatti, che è nata l’attuale Protezione Civile. 

  • Inviaci un messaggio tramite Whatsapp
  • Scarica l'App Radio Amore Google Play Store Apple Store