Caserta, misure cautelari per 52 poliziotti accusati di pestaggi nelle carceri
28/06/2021

Cronaca

Caserta, misure cautelari per 52 poliziotti accusati di pestaggi nelle carceri


La procura di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) ha concluso l’inchiesta condotta per i pestaggi avvenuti nel carcere della città durante una rivolta scoppiata ad aprile dello scorso anno, a causa delle restrizioni imposte per il coronavirus e innescata in seguito ad un caso positivo all’interno del circondario.

Sono cinquantadue i poliziotti coinvolti. Nelle chat ritrovate sui cellulari degli indagati erano presenti molte frasi dal contenuto aberrante come “li abbattiamo come vitelli”, “domate il bestiame”, “quattro ore di inferno per loro” (riferendosi a quello che era successo dopo le perquisizioni) e altre ancora.

Per il provveditore delle carceri della Campania, Antonio Fullone, è stata emessa dal gip una misura interdittiva.

Tuttavia il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, si dice fiduciosa nel corpo della Polizia Penitenziaria e resta in attesa dell’accertamento dei gravi fatti contestati nel penitenziario campano.

  • Inviaci un messaggio tramite Whatsapp
  • Scarica l'App Radio Amore Google Play Store Apple Store