Haiti, assassinato nella sua abitazione il presidente Jovenel Moise
07/07/2021

Cronaca

Haiti, assassinato nella sua abitazione il presidente Jovenel Moise

views
99

Il presidente della Repubblica di Haiti, Jovenel Moise, è stato assassinato nella sua abitazione, mentre sua moglie, la first lady Martine Marie Etienne Joseph è ricoverata in ospedale. Stando alle ricostruzioni dei media locali, la casa del presidente sarebbe stata attaccata in piena notte da un gruppo di uomini armati che ancora non sono stati identificati.

Da questo momento il controllo del Paese è nelle mani del primo ministro uscente Claude Joseph.

L'assassinio è stato compiuto nell'ambito del momento di destabilizzazione politica ed economica e di un aumento delle violenze delle gang che sta vivendo la Repubblica di Haiti.

Il presidente Moise, che aveva 53 anni, fu eletto per la prima volta alle elezioni del 2015, poi annullate per brogli, e nuovamente nel 2016. Il suo governo ha avuto inizio nel 2017. Da allora è stato protagonista di una tesissima scena politica, venendo accusato, tra le altre cose, di aver represso gli oppositori e di voler restare in carica oltre il suo mandato. Fu anche coinvolto in uno scandalo per corruzione, accusato insieme ad altri ministri e funzionari di aver gestito fondi in modo illecito per un giro d'affari di due miliardi di dollari. Già nel 2019 vi erano state proteste e scontri violenti in cui decine di persone persero la vita. 

Moise si rifiutava di abbandonare il potere, ritenendo in maniera unilaterale prorogato il suo mandato fino al 2022. Dunque l'opposizione haitiana, già nei mesi scorsi, aveva reagito nominando il giudice Joseph Mécène Jean Louis come presidente provvisorio della transizione.

Lo scorso febbraio, inoltre, le forze dell'ordine sventarono un tentativo di colpo di Stato, arrestando 23 persone.

  • Inviaci un messaggio tramite Whatsapp
  • Scarica l'App Radio Amore Google Play Store Apple Store