Spettacolare scoperta a Pompei: una tomba unica con un corpo semi-mummificato
17/08/2021

Cronaca

Spettacolare scoperta a Pompei: una tomba unica con un corpo semi-mummificato


Una straordinaria scoperta è stata fatta ancora una volta nel Parco Archeologico di Pompei.

Questa volta si tratta di una tomba particolarissima, a recinto, con una facciata decorata da piante verdi su fondo blu e una camera per l'inumazione, una tecnica di sepoltura inusuale in un periodo in cui a Pompei i corpi degli adulti venivano incenerati. Anche un'iscrizione marmorea, a conferma che nei teatri della città si recitava pure in lingua greca.

A riportare alla luce queste meraviglia, una campagna di scavi condotta insieme con l'Università Europea di Valencia.

Spettacolari anche le condizioni di conservazione del defunto, che appare in parte mummificato con la testa ricoperta di capelli bianchi, un orecchio parzialmente conservato, così come piccole porzioni del tessuto che lo avvolgeva. Adesso occorrerà scoprire se il corpo era stato imbalsamato e soprattutto perché.

“Pompei non smette di stupire, si conferma una storia di riscatto e un modello internazionale. Risultati straordinari che sono motivo di orgoglio per l'Italia”, così commenta la notizia il ministro della Cultura, Dario Franceschini.

La tomba risale agli ultimi decenni di Pompei, prima dell’eruzione del 79 d.C., e appartiene a Marcus Venerius Secundio, un liberto che era stato prima custode del Tempio di Venere e poi Augustale, ossia membro di un collegio di sacerdoti del culto imperiale. Secondo i primi esami effettuati sui resti, aveva più di 60 anni. Nel recinto è stata ritrovata anche un'urna in vetro con le ceneri di una donna, Novia Amabilis, probabilmente la moglie.

  • Inviaci un messaggio tramite Whatsapp
  • Scarica l'App Radio Amore Google Play Store Apple Store